Non è che

27 maggio 2009

Non è che questo mondo mi piaccia particolarmente.

Nonostante nei vari millenni ogni tanto qualcuno abbia cercato di spiegare che sarebbe meglio vivere tranquilli, invece che randellarsi l’un con l’altro, continuiamo a farci fuori tra di noi.

Nonostante abbiamo risorse per sfamare tutti, continuiamo a sprecarle qui nel nord del mondo, mentre in giro ci sono almeno un miliardo di persone che crepano di fame e di sete.

Nonostante le varie economie che si sono successe nella storia non abbiano dato grandi frutti, continuiamo a produrre teorie a posteriori, inventando modelli economici che spiegano perchè, quello di prima, era sbagliato.

Non è una presivione, è un dato di fatto.

Nonostante siano le undici e mezza di sera, io sono ancora qui a scrivere stronzate, ascoltando The Dark Side of the Moon, e proprio ora passa Brain Damage.

Non è che voglia andare a dormire, però dovrei.